Visitare una ex prigione e dormire in cella: dove andare!

22 Mag , 2012  

visitare un carcere alcatraz

In genere chi è costretto a viverci farebbe di tutto pur di poterne uscire, ma a quanto pare le prigioni suscitano un certo fascino dal punto di vista turistico e in molti sono disposti a pagare per avere l’opportunità di visitare una galera famosa o magari di poter pernottare dentro una delle celle.



Alcatraz, San Francisco (Usa)

Conosciuta anche come The Rock questa è probabilmente la prigione più famosa del mondo, non c’è da sorprendersi quindi se nonostante sia stata attiva solo per 29 anni, siano così tanti i turisti che vogliono conoscere la sua storia direttamente dagli ex detenuti che raccontano ai visitatori i tentativi di fuga, le rivolte per il cibo e le difficili condizioni di prigionia.

Robben Island (Sud Africa)

Questa prigione, oggi trasformata in museo, è stata attiva tra il XVII e il XX secolo ed è famosa per aver rinchiuso Nelson Mandela per ben 27 anni. Rappresenta quindi un vero e proprio promemoria per le generazioni future del Sud Africa e visitarlo significa conoscere da vicino una parte importante della lotta che è stata affrontata per la libertà del paese.

carcere di nelson mandela

San Pedro, La Paz (Bolivia)

La prigione è ancora attiva, ma è possibile partecipare a tour non proprio ufficiali. Può essere un’esperienza davvero interessante perché questo carcere è davvero particolare, i figli e le mogli dei detenuti infatti sono autorizzati a vivere qui e i prigionieri devono pagare per tutto ciò che ricevono, cibo e vestiti inclusi.

Ostello Celica, Lubiana (Slovenia)

Questa ex prigione è stata trasformata in ostello e galleria d’arte che dispone di 20 camere. Pur essendo un ostello è in realtà molto tranquillo e dispone di camere doppie, occorre però prenotare in anticipo perché sono molti a voler dormire in cella.

Backapackers Jail, Monte Gambier (Australia)

Un’altra prigione trasformata in ostello, ma decisamente più credibile di quella slovena. I visitatori possono soggiornare nelle celle e dormire in letti fatti di pino immersi in un’atmosfera perfetta resa ancora più reale dalle pesanti porte arrugginite.

Karosta, Liepaja (Lettonia)

Questo ex carcere del KGB attrae molti turisti offrendo un trattamento completo, compreso un controllo medico che però si limita a qualche domanda. Foto segnaletiche, passaporto del prigioniero e un po’ di tempo in isolazione saranno solo alcuni dei bizzarri ricordi da riportare a casa dopo questa bizzarra vacanza.

dormire in cella

Prigione Museo Seodaemun, Corea del Sud

Questa prigione fu costruita dai giapponesi durante l’occupazione della Corea, qui furono rinchiusi e torturati tutti coloro che resistevano e cercavano di mantenere la propria cultura e la propria lingua. È quindi un simbolo culturale molto forte ed è stata trasformata in museo per ricordare ai giovani il coraggio e la forte volontà dei loro antenati

Torre di Londra (Inghilterra)

La celebre torre fu utilizzata sia come fortezza sia come palazzo reale, ma è soprattutto il suo passato da prigione ad attirare i turisti. È possibile visitare i macabri luoghi dove venivano tenuti i prigionieri prima di essere giustiziati o torturati.

Kilmainham Gaol, Dublino (Irlanda)

L’importanza storica ricoperta dalla prigione nell’arco degli ultimi secoli è ciò che ha spinto le istituzioni a trasformarla in museo, ma in molti vogliono visitare questa struttura anche per la bellezza architettonica della sala centrale, celebre anche per essere stata il set del film “Nel nome del padre”, del 1993.

E voi, sareste disposti a dormire in una cella? Diteci pure la vostra!

Foto di dhilung



, , , , ,

By  -        
Turistagratis è un comparatore di ricerca voli lowcost e hotel. Inoltre ci teniamo a darvi ogni giorno informazioni utili e articoli su destinazioni turistiche e consigli di viaggio, per farvi viaggiare in modo economico e del tutto sicuro.



Non perderti nemmeno un articolo

Vuoi restare sempre informato sulle ultime offerte e notizie per viaggiare lowcost?
Iscriviti Gratis alla nostra newsletter: