Rotta verso il Polo Nord, il regno del ghiaccio a portata di mano

19 Gen , 2012  

viaggio al polo nord

Consultare la cartina geografica per decidere quale rotta tracciare è quello che in genere si fa in vista di un viaggio ed inevitabilmente l’occhio non cade mai nel punto più settentrionale del globo. Troppo lontano, troppo freddo e decisamente poco ‘vivace’ sono le argomentazioni che portano nella maggior parte dei casi a scartare il Polo Nord Geografico dalle opzioni.



Ma cosa accadrebbe se oggi si potesse visitare senza troppe difficoltà il punto più ignorato ma allo stesso tempo più ricco di mistero della Terra? Grazie ai progressi nei mezzi di trasporto e nelle esplorazioni che sono diventate ogni anno sempre più approfondite, oggi non solo è possibile, ma anche facilmente attuabile visitare il Polo Nord, seppur con la clausola di prezzi non sempre accessibili a tutti.

Al di là dei diffusi fraintendimenti sulla natura del posto, il Polo Nord non è formato interamente da una spessa lastra di ghiaccio, ma comprende anche frammenti di terraferma di Russia, Canada, Alaska, Norvegia, Islanda, Lapponia e Groenlandia, senza contare le isole Svalbard, quasi del tutto immuni dall’intervento umano e circondate da iceberg galleggianti sul pelo dell’acqua e montagne ricoperte di ghiaccio di un candore abbacinante.

Per molti mesi dell’anno, la regione è immersa in un’interminabile notte polare, che trova un compenso adeguato nella luce del ‘sole di mezzanotte’ che illumina ogni centimetro durante l’estate glaciale ed è proprio in questo momento che la maggior parte dei tour all inclusive hanno inizio, senza contare uno degli spettacoli naturali più suggestivi del Polo Nord, l’ Aurora Boreale.

La rotta verso il Polo Nord ha la sua partenza dalla Base Barneo, situata sul pack, e a bordo di un jet si sorvolano le distese ghiacciate fino ad atterrare sull’ Oceano Artico, anch’esso solido e compatto per oltre 3 metri di profondità;  a partire da qui, l’itinerario prosegue a bordo di slitte trainate da cani husky per circa 100 km, quando si raggiunge il freddo cuore delle isole Svalbard.

Affascinate e angosciante insieme, il panorama che si presenta dinanzi agli occhi dei fortunati esploratori polari è animato dalla fauna tipica della Tundra Artica in cui ci si può imbattere camminando al seguito delle guide.

Lepri artiche facilmente rintracciabili per via delle caratteristiche strisce lasciate impresse nella neve, buoi muschiati dalle corna ricurve e, prevedibilmente, orsi polari, trichechi e foche della Groenlandia si nascondono tra la vegetazione dello spesso tappeto di muschi e licheni che copre il suolo.

Un viaggio decisamente al di fuori dagli schemi, insomma, e un’esperienza che, nonostante le apparenze, non raggelerà gli animi!

Preparate gli occhialini, un regalo per voi! Il video più affascinante di un’Aurora Boreale in 3D, uno degli spettacoli naturali più belli del Polo Nord da poter vivere in prima persona.

Foto di kaet44



, , , , , ,

By  -        
Turistagratis è un comparatore di ricerca voli lowcost e hotel. Inoltre ci teniamo a darvi ogni giorno informazioni utili e articoli su destinazioni turistiche e consigli di viaggio, per farvi viaggiare in modo economico e del tutto sicuro.



Non perderti nemmeno un articolo

Vuoi restare sempre informato sulle ultime offerte e notizie per viaggiare lowcost?
Iscriviti Gratis alla nostra newsletter: