Visitare Samara, un po’ di Russia ancora poco conosciuta

9 Feb , 2012  

visitare samara

La Russia è una delle nazioni più immense e sterminate che esistano ed è facile, tra la steppa desolata e i centri più abitati dell’entroterra, perdersi in mezzo alla marea di città piccole e grandi che la punteggiano di km in km. Ci si ricorda di metropoli come Mosca e non viene neanche in mente di accantonare la grande San Pietroburgo, ma si finisce con il lasciare indietro niente di meno ché una delle città più popolose di tutto il territorio della confederazione, Samara.



Nessuna meraviglia che il nome non desti vecchi ricordi di scuola. A dispetto delle dimensioni e del suo milione di abitanti, Samara è infatti uno dei centri meno conosciuti al di fuori delle frontiere russe, ma di certo dedicarvi un viaggio approfondito non risulterà una perdita di tempo.

Samara nasconde molte sorprese, la città è nota anche come Kuybyshev vecchio nome ai tempi del suo passato sovietico, e arrivare a destinazione non presenta molti problemi. Il metodo di sicuro successo maggiormente consigliato è l’aereo che, partendo da Mosca, raggiunge Samara in poco meno di un’ora, al contrario come alternativa c’è la ferrovia che invece di 1 ora però ne richiederebbe quasi 17  ma che, anche allungando di molto il tragitto, offre allo stesso tempo la ghiotta occasione di dare un’occhiata più ravvicinata al panorama quasi sempre innevato dell’estrema Russia.

Una volta giunti nel cuore di Samara, non serve spostarsi molto dato che quasi tutto ciò che c’è da visitare si trova localizzato nelle vie del centro. Prima tappa è  la strada principale di Naberezhnaya, una sorta di promenade in stile russo, particolarmente incantevole nel periodo estivo, situata vicino al più importante dei numerosi teatri di cui la città si è circondata.

Il Drama Theatre attuale non è altro che una rivisitazione in chiave classicista e con ritocchi più vicini al medioevo russo, datatao1965 e costruita in sostituzione dell’originale ottocentesco raso al suole da tempo immemorabile. Ma non è l’unica struttura predisposta dagli abitanti di Samara che sembrano essere particolarmente sensibili al richiamo dell’arte e in special modo a quello di opera, balletto classico e orchestra fisarmonica. Per chi volesse unirsi al pubblico russo, il Teatro M.Gorkgo e l’Opera and Ballet House in piazza Kuybyshev sono bocconcini imperdibili nel panorama culturale della città.

Piazza della Gloria, accompagnata dall’omonimo monumento, e la caratteristica piazza Samarskaya sono altri pit-stop obbligatori prima di spostarsi verso il famoso Bunker di Stalin, che secondo i piani progettati dal ‘piccolo padre’ doveva sbucare esattamente sul Volga. Piano B delineato qualora Mosca fosse stata occupata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, il bunker è tutt’ora conservato alla perfezione e visitabile in ogni periodo dell’anno.

Ma la Russia è sempre la Russia e trovare ghiaccio e neve ad attenderci è quasi scontato. Per questo si passa da palazzi interamente circondati dalla morsa del gelo,e che ne richiamano il candore con le facciate di un bianco glaciale, a case ad un solo piano, dall’aspetto spesso diroccato, di un marrone sporco ma che, sfidando ogni paradosso, conservano tutto il fascino dei quartieri meno abbienti tipici della Federazione Russa.

Da non perdere, infine, sul viaggio di ritorno dopo aver fatto finalmente conoscenza con Samara, la vista mozzafiato godibile dal sito di Vertoletnaya Ploschadka, a 20 minuti dal centro urbano, dal quale si intravede a perdita d’occhio l’imponente spettacolo del Volga e del suo immenso fiume.



, , , ,

By  -        
Turistagratis è un comparatore di ricerca voli lowcost e hotel. Inoltre ci teniamo a darvi ogni giorno informazioni utili e articoli su destinazioni turistiche e consigli di viaggio, per farvi viaggiare in modo economico e del tutto sicuro.



Non perderti nemmeno un articolo

Vuoi restare sempre informato sulle ultime offerte e notizie per viaggiare lowcost?
Iscriviti Gratis alla nostra newsletter: